ESSER D'ANNUNZIO


MANIFESTO 06

 
scritto diretto da
Alessandro Riccio
 
 

DANNUNZIO 31

Ammirazione, gloria, immortalità. Questo accade ai Geni. Questo accade anche a Gabriele D'Annunzio, il Vate d'Italia. Ma il tempo passa per lui. Anche lui sente il peso di questa maschera dorata che tutto il mondo - e lui per primo - gli ha fatto indossare.

 

Contorniato da donne che lo venerano, amanti che lo desiderano, D'Annunzio si è rifugiato in un antro di sogno (il Vittoriale) nella speranza di un pò di beata solitudo.

Ma nell'imbattersi nel giovane giardiniere, rozzo come una cipolla appena colta, il Vate si trova a mettere in dubbio tutte le sue passate vittorie.



Alessandro Riccio si imbatte in un personaggio estremamente controverso. Amato e odiato, ammirato e detestato, Gabriele D'Annunzio è senza dubbio una personalità complessa e articolata e che è spunto per riflessioni di ogn tipo: dalle più elevate a quelle più frivole. E Riccio ci si butta a pesce, divertendosi a trovare le manie comuni ad ogni uomo.

dannunzio riccio

 
 
con
Alessandro Riccio
Samuele Picchi
Veronica Mele
 
 
costumi
Daniela Ortolani
 
foto di scena
Federica Gambacciani
 
 
 

Lo spettacolo prenderà vita in uno spazio inusuale: il TEATRO SEGRETO. Il nome già svela la sua natura: non è segnalato in nessun luogo. Avrete l'indirizzo nel momento della prenotazione. Perchè non tutto deve essere alla luce del sole...

 

 DANNUNZIO 112